060608


Roma Capitale
Zètema Progetto Cultura
060608 - Scopri e acquista i servizi turistici, l'offerta culturale e gli spettacoli di Roma
Sei in: Home » Cultura e svago » Beni culturali » Musei » CHIUSO - Casa Museo Mario Praz
Tipologia: Casa museo, Museo statale, Museo storico-artistico

Indirizzo

Indirizzo: Via Giuseppe Zanardelli, 1
Zona: Rione Ponte (Via Coronari-Ponte Vittorio) (Roma centro)
Atac
Inserire l'indirizzo di partenza

Contatti

Orario

In attuazione del DPCM dell'8 marzo 2020 tutti i musei, i teatri e tutti i luoghi e gli istituti della cultura, come gli spettacoli, sono SOSPESI SU TUTTO IL TERRITORIO NAZIONALE e dunque anche a Roma.

Visite max 10 persone, sempre accompagnate e gratuite e durano 50 minuti circa.
È preferibile la prenotazione all'indirizzo: museopraz@beniculturali.it o telefonicamente al numero 06 6861089 nei giorni di apertura del museo (venerdì e sabato)​

Orario delle visite:
venerdì visite accompagnate alle 14.30, 15.30, 16.30, 17.30 e 18.30
sabato visite accompagnate alle 9.00, 10.00, 11.00, 12.00 e 13.00.
Ultimo ingresso mezz'ora prima

Chiusura: 1 gennaio, 25 dicembre, 1 gennaio, Pasqua, Pasquetta e 1 maggio salvo aperture straordinarie su progetto MiBACT 

Informazioni

Modalità di partecipazione: Ingresso gratuito

Prenotazione

» Obbligatoria per gruppi

Descrizione

Situata a Roma, in Palazzo Primoli e aperta al pubblico nel giugno del 1995, la Casa museo Mario Praz (1896-1982) celebre anglista, saggista e critico, offre al visitatore 10 ambienti dove sono disposti gli oltre 1.200 pezzi, tra dipinti sculture, mobili ed arredi, che compongono la sua Raccolta. Databili tra la fine del settecento e la prima metà del XIX secolo, queste opere contribuiscono a ricostruire una casa piena di fascino e di carattere, quale poteva realmente esistere alla metà dell’Ottocento.
In realtà ogni singolo pezzo è stato acquistato dal collezionista sul mercato antiquario europeo in oltre sessant’anni e accuratamente disposto negli ambienti in cui egli ha vissuto a Roma, prima nel grande appartamento di palazzo Ricci in Via Giulia, poi dal 1969 in Palazzo Primoli, dove è rimasto fino alla morte.
Numerosi viaggi sono stati occasione per acquisti, definendo il carattere europeo della Raccolta, con i mobili inglesi, i bronzi francesi, le malachiti russe, i cristalli boemi, le porcellane tedesche, le vedute di città italiane ed europee, i ritratti delle famiglie regnanti, dai Borbone ai Bonaparte, e quelli di tanti sconosciuti vissuti nel XIX secolo. Acquistata dallo Stato presso gli eredi nel 1986, la Raccolta è stata ricollocata con la stessa disposizione datale dal Collezionista negli ambienti dove egli visse nei suoi ultimi anni, inquilino della Fondazione.

Nell'ambito di

Cultura e svago › Beni culturali › Musei

All'interno di

Cultura e svago › Beni culturali › Beni architettonici e storici

Gli altri musei del sistema

Cultura e svago › Beni culturali › Musei

A cura di

Eventi e spettacoli › Manifestazioni
Data: da 02/04/20 a 31/12/20
Data di ultima verifica: 11/06/20 14:42