060608


Roma Capitale
Zètema Progetto Cultura
060608 - Scopri e acquista i servizi turistici, l'offerta culturale e gli spettacoli di Roma
Sei in: Home » Cultura e svago » Beni culturali » Musei » Antiquarium di Lucrezia Romana
Tipologia: Museo archeologico, Museo statale

Indirizzo

Indirizzo: Via Lucrezia Romana, 62
Zona: Casal Morena (Roma sud)
Atac
Inserire l'indirizzo di partenza

Contatti

Orario

orari di apertura al pubblico: 
martedì, giovedì e domenica dalle 10.00 alle 18.00 (ultimo ingresso 17.30)

Per i gruppi è consigliata la prenotazione
Telefono: +39 06 72016669
Email: pa-appia.antiquariumlucreziaromana@beniculturali.it

Informazioni

NORME DI SICUREZZA

Per poter accedere i visitatori devono indossare una mascherina coprendo naso e bocca e utilizzare il gel disinfettante posto all’ingresso. Prima di entrare sono inoltre sottoposti da personale autorizzato alla misurazione della temperatura corporea. Come misura di prevenzione alla diffusione del Covid-19 l’accesso al Museo e all’area è infatti subordinato alla rilevazione della temperatura corporea dei visitatori che deve essere inferiore a 37,5°C.
L’accesso è contingentato per evitare il formarsi di assembramenti ed è necessario rispettare la distanza interpersonale di 2 m e mantenere una adeguata distanza dalle strutture e dalle opere. Una pannellistica specifica fornisce ai visitatori tutte le informazioni necessarie sulle modalità di visita e sui percorsi da seguire.
Personale ALES e volontari dell’Associazione Nazionale Carabinieri offrono un utile supporto al personale del Mibact.

Modalità di partecipazione: Ingresso gratuito

Eventi in programma

Descrizione

Un museo nella periferia romana per raccontare la storia del territorio dell’Appio Tuscolano dall'epoca preistorica e protostorica fino al medioevo.

L’Antiquarium di Lucrezia Romana, con i suoi 500 metri quadrati di esposizione, è composto da cinque sale distribuite in due edifici in cui trovano posto i reperti emersi dalle indagini archeologiche svolte in un ampio settore del suburbio sudorientale di Roma negli ultimi 25 anni.

Attraverso i materiali rinvenuti nel corso degli scavi, infatti, vi è documentata la storia del territorio che va dal Quadraro a Grotteferrata, comprendendo Osteria del Curato, Tor Vergata, Morena, Romanina, Centroni, Cinecittà, Anagnina, Appio-Tuscolano.

Tra i reperti esposti figurano soprattutto corredi funerari: monili d’oro, piccoli gioielli e orecchini, vasi e lucerne nonché oggetti di vita quotidiana femminili (contenitori per il trucco, pinzette, spatoline) e infantili. Tra questi, particolarmente commovente è un biberon di epoca preistorica.

Non mancano preziosi mosaici, monete, affreschi e vetri e frammenti delle pregiate decorazioni provenienti dalle ville e dai sepolcri che costellavano la zona in epoca imperiale. Tra queste, un’elegante terracotta architettonica di età augustea, una testa ritratto di stile ellenistico e tre volti di divinità in terracotta.

Tra i marmi spiccano un’erma dionisiaca, una vasca in alabastro e una splendida statua di Ermafrodito.

Il museo è dedicato all'archeologo di origini calabresi Giuseppe Vitale, premutaramente scomparso nel 2004 all'età di 37 anni.

All'interno di

Cultura e svago › Beni culturali › Beni archeologici
Data di ultima verifica: 17/08/20 12:27