060608


Roma Capitale
Zètema Progetto Cultura
060608 - Scopri e acquista i servizi turistici, l'offerta culturale e gli spettacoli di Roma
Sei in: Home » Cultura e svago » Beni culturali » Beni architettonici e storici » Palazzo Pamphilj
Tipologia: Edifici

Indirizzo

Indirizzo: Piazza Navona, 14
Zona: Rione Parione (Navona-Campo de' Fiori) (Roma centro)
Atac
Inserire l'indirizzo di partenza

Contatti

Orario

Visite guidate e gratuite alle 15.30 il martedì in lingua italiana e il giovedì in lingua portoghese
Prenotazione obbligatoria sul sito: http://roma.itamaraty.gov.br/it/prenotazione_visita_guidata.xml

Il mercoledì, allo stesso orario, è riservato alle associazioni culturali che vengono con guida propria e la prenotazione deve essere richiesta all’indirizzo visitas.roma@itamaraty.gov.br

Informazioni

Modalità di partecipazione: Prenotazione obbligatoria

Prenotazione

» Obbligatoria

Eventi in programma

Opera Aperitif - Roma Opera Omnia (Musica) da 07/04/19 a 27/10/19

Descrizione

Voluto da Giovanni Battista Pamphilj, che nel 1644 era divenuto papa con il nome di Innocenzo X (1644-1655), per unificare in un unico edificio le diverse proprietà preesistenti su piazza Pasquino, il palazzo fu edificato su progetto di Girolamo Rinaldi (1570-1655). La sua costruzione procedette di pari passo con la sistemazione di piazza Navona e l’innalzamento della chiesa di S. Agnese. Nei dieci anni del suo pontificato, Innocenzo X e la sua famiglia accumularono ingenti ricchezze. In questo si distinse particolarmente Donna Olimpia Maidalchini, cognata e consigliera del papa che fu bersaglio di diverse “pasquinate”. La celebre statua parlante, collocata proprio dietro il Palazzo, la soprannominò in latino "Olim pia" ("un tempo virtuosa"). Nel ‘700 i Pamphilj si estinsero nei Doria e dopo alterne vicende che videro il Palazzo trasformato anche in pensionato, nel1920 passò allo Stato Brasiliano che nel 1960 lo acquistò e vi collocò la propria Ambasciata. Il grandioso Palazzo presenta all'interno sale affrescate da diversi artisti del XVII sec. come Pietro da Cortona, Agostino Tassi, Giacinto Brandi ed altri. Si segnalano il Salone Palestrina, utilizzato per feste e concerti, e la splendida Galleria progettata dal Borromini e decorata da Pietro da Cortona con scene della vitadi Enea. I recenti restauri hanno riportato la facciata al colore celestino pastello cheaveva nel ‘700.

Questa scheda (All'interno di) comprende

Cultura e svago › Luoghi e utilità per lo spettacolo › Spazi polifunzionali

Vedi anche

Accoglienza › Servizi › Ambasciate e consolati
Cultura e svago › Beni culturali › Beni architettonici e storici
Data di ultima verifica: 17/03/17 12:04