060608


Roma Capitale
Zètema Progetto Cultura
060608 - Scopri e acquista i servizi turistici, l'offerta culturale e gli spettacoli di Roma
Sei in: Home » Cultura e svago » Beni culturali » Beni architettonici e storici » Palazzo Massimo alle Colonne (Cappella di San Filippo Neri)
Tipologia: Edifici

Indirizzo

Indirizzo: Corso Vittorio Emanuele II, 141
Zona: Rione Pigna (Torre Argentina) (Roma centro)

Orario

Edificio privato chiuso al pubblico
Solitamente solo il 16 marzo nella ricorrenza del miracolo di San Filippo Neri
dalle ore 7.00 alle 13.00 (salvo imprevisti legati al COVID)
aperto solo il primo cortile e la cappella di San Filippo Neri.

Al secondo piano si trova la stanza, trasformata in Cappella nel Settecento, dove S. Filippo Neri il 16 marzo 1583 operò un miracolo, riportando in vita il figlio di Fabrizio Massimo, Paolo. Il giorno della ricorrenza del fatto miracoloso è l’unico giorno dell'anno in cui si può visitare la cappella del miracolo.

Descrizione

Palazzo Massimo detto alle Colonne, è il capolavoro di Baldassarre Peruzzi che lo costruì dove un tempo sorgevano le case quattrocentesche della famiglia Massimo, distrutte nel sacco di Roma del 1527. La facciata convessa del palazzo ricalca la cavea dell’Odeon di Domiziano, teatro per le audizioni musicali posto a sud dello Stadio fatto costruire dallo stesso imperatore. La facciata, tutta a bugnato piano, presenta un portico composto da sei colonne abbinate al centro, che crea un notevole effetto di chiaroscuro; ai lati sono grandi finestre rettangolari chiuse da inferriate. Al di sopra è il piano nobile, delimitato da una cornice aggettante su cui poggiano sette finestre architravate con balconcini. Al secondo e terzo piano finestre rettangolari più piccole, con originale inquadratura. A coronamento è un cornicione con mensole e rosoni. Il portico è decorato da finissimi stucchi nel soffitto a cassettoni ed ha alle estremità due nicchie con statue. Da questo si può accedere a cortili di mirabile armonia. I lussuosissimi interni sono arricchiti da splendidi affreschi, statue classiche, mobili pregiati ed arazzi.

All’inizio del XIX secolo l’edificio fu collegato internamente con quello di Pirro, ad esso adiacente.

Vedi anche

Cultura e svago › Beni culturali › Beni architettonici e storici
Data di ultima verifica: 10/02/22 12:11