060608


Roma Capitale
Zètema Progetto Cultura
060608 - Scopri e acquista i servizi turistici, l'offerta culturale e gli spettacoli di Roma
Sei in: Home » Cultura e svago » Beni culturali » Beni architettonici e storici » Palazzo Albani Del Drago
Tipologia: Edifici

Indirizzo

Indirizzo: Via delle Quattro Fontane
Zona: Rione Trevi (Quirinale-Tritone-Barberini) (Roma centro)
Atac
Inserire l'indirizzo di partenza
Angolo via Venti Settembre

Descrizione

Il Palazzo, realizzato da Domenico Fontana tra il 1587 e il 1590 per Muzio Mattei, fu acquistato a metà del Seicento dal cardinale Francesco Massimo, al quale succedette nel 1677 un altro cardinale, Francesco Merli. Alla sua morte, nel 1707, il palazzo fu acquistato da un terzo porporato, Alessandro Albani e fu allora che l'edificio subì delle modifiche, allungandosi sull'attuale via Venti Settembre (allora denominata strada Pia) grazie all'acquisto di una casa confinante e con la trasformazione della loggia del primo piano in galleria chiusa con affreschi di Giovanni Paolo Pannini. L'opera fu compiuta da Alessandro Specchi, che curò anche il rifinimento del giardino adorno di molteplici simboli araldici degli Albani e la costruzione di una torretta belvedere, situata all'angolo del quadrivio delle Quattro Fontane, esattamente sopra la fontana dell'Arno. L'angolo smussato (nella foto 6) presenta al primo piano un balcone con balaustra, con porta-finestra entro una nicchia sotto il cui arco si trova uno stucco ovale con l'Immagine di Maria; al secondo piano c'è un altro balcone con ringhiera in ferro, anch'esso con porta-finestra entro una nicchia. L'interno si arricchì con lo splendido patrimonio di statue antiche che venne poi trasferito nella villa di famiglia sulla via Salaria. Il cardinale Albani, un esperto bibliofilo, vi allestì anche un'imponente biblioteca di circa 40.000 volumi, purtroppo andata perduta in seguito all'invasione francese del 1798. L'edificio presenta una planimetria semplice, in cui i vari ambienti sono disposti intorno ad un ampio cortile centrale e ad uno minore. Le sale del pianterreno e gli appartamenti del piano nobile sono resi comunicanti da uno scalone principale che prende avvio dal cortile maggiore e presenta, su una parete ai piedi della scala, lacerti in opus sectile marmoreum provenienti dalla cappella di S.Andrea Catabarbara. Agli Albani subentrò a metà dell'Ottocento la regina Maria Cristina, vedova di Ferdinando VII di Spagna, che lasciò anche una sua impronta nell'edificio, ricoprendo il giardino con una sala da ballo. Alla sua morte subentrò il principe Del Drago, suo genero, il quale fece costruire, al piano terreno, un teatrino privato, il "Teatro delle Quattro Fontane", che rimase in funzione fino al 1914.

Data di ultima verifica: 13/05/21 16:22