060608


Roma Capitale
Zètema Progetto Cultura
060608 - Scopri e acquista i servizi turistici, l'offerta culturale e gli spettacoli di Roma
Sei in: Home » Cultura e svago » Beni culturali » Beni archeologici » Villa di Livia a Prima Porta
Tipologia: Ville e aree archeologiche

Indirizzo

Indirizzo: Via della Villa di Livia, 126
Zona: Prima Porta (Roma nord)
Atac
Inserire l'indirizzo di partenza

Contatti

Telefono: +39 06 39967702 (Coopculture)
Telefono: +39 06 33626826

Orario

Dal 1 aprile al 31 ottobre:
giovedì e venerdì dalle 9.30 alle 13.30;
il primo, il terzo e l'eventuale quinto sabato del mese dalle 9.30 alle 13.30;
la prima, la terza e l'eventuale quinta domenica del mese dalle 9.30 alle 18.30.

Chiusa 25 dicembre e 1 gennaio, 1 maggio

Dal 1° novembre al 31 marzo
Gli orari restano gli stessi, con l'unica eccezione della domenica pomeriggio, quando la chiusura è alle 16.30 

Chiusa nel mese di agosto

 

Informazioni

Ingresso gratuito

Possibilità di visite guidate per singoli
La III domenica del mese alle ore 11.00
Max 30 partecipanti
Costo visita: € 5,50 visita + € 2,00 prenotazione (+39 0639967702)

Gruppi e scuole: visite guidate su prenotazione

Descrizione

La villa, appartenuta a Livia Drusilla, moglie dell’Imperatore Augusto, era chiamata ad Gallinas Albas, perché vi sarebbe avvenuto un evento prodigioso: un’aquila avrebbe lasciato cadere in grembo a Livia una gallina bianca con un ramo di alloro nel becco; gli aruspici, in seguito all’evento, avevano prescritto di allevare l’animale e piantare il ramo di alloro e custodirlo religiosamente. La residenza è ricordata anche dagli scrittori antichi Svetonio, Cassio Dione e Plinio; quest’ultimo la colloca al IX miglio della via Flaminia, su un’altura che domina il Tevere presso l’attuale Prima Porta. Durante i primi scavi condotti negli anni 1863-1864 si rinvennero la statua di Augusto, ora ai Musei Vaticani, e le pitture con veduta di giardino ora al Museo Nazionale Romano. Queste bellissime e famose pitture provengono da una grande sala, da interpretarsiprobabilmente come triclinio estivo, coperta da volta a botte  con decorazioni in stucco. Questa parte della villa subì una vasta ristrutturazione nella prima metà del II secolo, durante la quale vennero realizzati alcuni ambienti con pavimento in marmi policromi o a mosaico bianco e nero figurato. Nel settore nord della villa si trovano un complesso termale, una grande cisterna rettangolare e una serie di ambienti. Sul lato meridionale della cisterna è collocato il frigidarium con due vasche per l’acqua fredda. Intorno a questo si dispongono altri ambienti; il calidarium (ambiente con acqua calda) presenta due vasche, una semicircolare e una rettangolare. A sud-est del complesso termale, divisa da un corridoio, si trova un’area scoperta, probabilmente un peristilio, intorno al quale si dispongono vari ambienti con pavimento a mosaico in bianco e nero. Il corridoio conduce ad un atrio con impluvio; nell’angolo nord-est di questo si trova l’ingresso della villa, del quale ora si conserva la soglia in travertino. Un vestibolo mette in comunicazione una vasta area a giardino con una serie di vani disposti intorno ad un’area scoperta; qui si aprono due cubicula (stanze da letto), uno dei quali con alcova sul fondo e pavimento a mosaico bianco riquadrato da una fascia a meandro nera. Un muro di costruzione sostiene la villa nella parte prospiciente il Tevere, dove si trova un passaggio pedonale che collega la villa con la via Flaminia e la via Tiberina.

Parole chiave

A cura di

Cultura e svago › Istituzioni culturali › Strutture culturali

Vedi anche

Cultura e svago › Beni culturali › Beni archeologici

Per saperne di più

Cultura e svago › Verde › Giardini, ville e parchi urbani
Data di ultima verifica: 20/02/19 16:23