060608


Roma Capitale
Zètema Progetto Cultura
060608 - Scopri e acquista i servizi turistici, l'offerta culturale e gli spettacoli di Roma
Sei in: Home » Cultura e svago » Beni culturali » Beni archeologici » Tempio Rotondo (Tempio di Ercole Vincitore) al Foro Boario
Tipologia: Monumenti

Indirizzo

Indirizzo: Piazza della Bocca della Verità
Zona: Rione Ripa (Circo Massimo-Bocca Verità-Aventino) (Roma centro)
Atac
Inserire l'indirizzo di partenza

Contatti

Telefono: 0039 06 39967700
Prenotazione telefonica: 0039 06 39967702

Orario

Il sito è visitabile la 3ª domenica del mese.
Ingresso solo con visita guidata o accompagnata

Informazioni

Intero: € 5,50

Costo della prevendita
Singoli: € 2,00
Gruppi: turno gruppi accompagnato / prenotazione obbligatoria € 40,00 (max 30 persone)

Prenotazione

» Obbligatoria

Descrizione

Erroneamente detto di Vesta, il tempio è circolare con venti colonne corinzie, poggiante su un basso podio di gradini di marmo. L’architetto fu probabilmente Hermodoros di Salamina, mentre la statua di culto sembra fosse operadi Skopas Minore, scultore greco della fine del II secolo a.C. Anche i capitelli sembrano essere di fattura greca, eseguiti su modelli ellenistici.

L’edificio era dedicato ad Ercole Vincitore, protettore dei commercianti italici che svolgevano le loro attività nel vicino Foro Boario. Costruito verso la fine del II secolo a.C., è il più antico tempio in marmo conservato a Roma.

L’edificio subì un restauro sotto Tiberio, probabilmente dopo l’inondazione del 15 d.C. Nel XII secolo (1140) fu trasformato nella chiesa di Santo Stefano delle Carrozze, e dalla metà del XVI secolo, prima dell’abbandono, fu dedicato a S. Maria del Sole a causa di un’immagine miracolosa della Madonna ritrovata nel Tevere. All’interno si conserva ancora un affresco della fine del XV secolo raffigurante la Madonna col Bambino e Santi. L’intero edificio e l’affresco sono stati recentemente restaurati.

A cura di

Cultura e svago › Istituzioni culturali › Strutture culturali

Vedi anche

Cultura e svago › Beni culturali › Beni archeologici
Data di ultima verifica: 20/02/19 16:12