060608


Roma Capitale
Zètema Progetto Cultura
060608 - Scopri e acquista i servizi turistici, l'offerta culturale e gli spettacoli di Roma
Sei in: Home » Cultura e svago » Beni culturali » Beni archeologici » Necropoli di Porto
Tipologia: Ville e aree archeologiche

Contatti

Orario

Fino al 15 marzo dalle 10.00 alle 16.00 nei giorni:
sabato 29 febbraio e domenica 1 marzo
sabato 7 marzo
sabato 14 e domenica 15 marzo

Informazioni

Per informazioni e prenotazioni: tel. 06 6583888

Indirizzo: Via di Monte Spinoncia, 52  (Isola Sacra-Fiumicino)
Il sito è raggiungibile percorrendo via dell'Aeroporto di Fiumicino sino a Via Cima Cristallo e poi Via Pal Piccolo, fino a via Monte Spinoncia 52.

Il personale di vigilanza offre servizio di orientamento e di accoglienza al pubblico.

Modalità di partecipazione: Ingresso gratuito

Descrizione

La necropoli fu individuata nel 1925 in occasione della bonifica dell’Isola Sacra. Altri scavi condotti negli anni successivi hanno portato alla luce l’intera necropoli, estesa per 400 m e composta da circa centocinquanta sepolcri, due terzi dei quali, relativi al nucleo meridionale, attualmente visibili.L’occupazione della necropoli iniziò poco dopo la creazione del porto di Claudio (inaugurato da Nerone) e del relativo insediamento di Porto. Le tombe, che si addossano a schiera le une alle altre a formare dei gruppi separati da sentieri e aree libere, sono disposte lungo i due lati di una strada, probabilmente di età traianea, che collegava Porto ad Ostia. Il tipo più diffuso è la tomba familiare a camera quadrata, con un recinto antistante la cella. Le facciate, in opera laterizia, sono ornate da lesene e presentano timpani triangolari e cornici che inquadrano le iscrizioni funerarie. All’interno, nella parte alta delle pareti sono le nicchie per le urne cinerarie, mentre nella parte bassa sono presenti arcosoli per le inumazioni. I pavimenti sono a mosaico, mentre le pareti e le volte sono decorate con pitture e stucchi. Col tempo il rito misto lascia il posto alla sola inumazione, tanto che le tombe del III secolo lungo la strada presentano solo arcosoli. La scarsità di spazio disponibile portò a riutilizzare, soprattutto nel IV e V secolo, le tombe già esistenti. Dalle iscrizioni e dai rilievi in terracotta posti sulle facciate ed indicanti il mestiere del defunto, sappiamo che la necropoli era destinata ad un ceto medio di artigiani, bottegai e commercianti; non sono presenti personaggi d’alto rango, ed anche i liberti e gli schiavi sembrano costituire una minoranza. L’elemento cristiano è rappresentato soltanto da tre iscrizioni ed un sarcofago; sappiamo infatti che il cimitero cristiano di Porto era a Capo Due Rami.

Parole chiave

Attività didattiche

L’area della Necropoli è in parte accessibile ai disabili, purché con assistenza.

All'interno di

Cultura e svago › Beni culturali › Beni archeologici
Data di ultima verifica: 05/03/20 13:44