060608


Roma Capitale
Zètema Progetto Cultura
060608 - Scopri e acquista i servizi turistici, l'offerta culturale e gli spettacoli di Roma
Sei in: Home » Cultura e svago » Beni culturali » Beni archeologici » Monte Testaccio
Tipologia: Ville e aree archeologiche

Indirizzo

Indirizzo: Via Nicola Zabaglia, 24
Zona: Rione Testaccio (Roma centro)
Angolo via Galvani

Contatti

Prenotazione telefonica: 060608 tutti i giorni ore 9.00-19.00

Orario

 

L’ingresso al monumento è consentito a gruppi e associazioni, con guida propria, che devono provvedere alla prenotazione allo 060608 (tutti i giorni, ore 9.00-19.00).
Max 30 persone a visita.

Per i singoli visitatori, sempre previa prenotazione allo 060608, sono inoltre possibili visite individuali secondo un calendario specificato nella pagina > Monumenti del territorio

Informazioni

Tariffe:

Intero € 4,00
Ridotto € 3,00
Il pagamento del biglietto avviene in contanti sul posto.
I possessori della MIC card hanno diritto all’ingresso gratuito

La prima domenica del mese l'ingresso ai monumenti del territorio è gratuito per tutti.

Condizioni di gratuità e riduzioni

Nel costo di ingresso non è compresa la visita guidata che deve essere organizzata in autonomia.

PRENOTARE E ACCEDERE AL SITO -> Monumenti del territorio

Modalità di partecipazione: Prenotazione obbligatoria

Prenotazione

» Obbligatoria
» Telefonica

Eventi in programma

Descrizione

È una collina artificiale formata esclusivamente dai frammenti o cocci (in latino "testae" da cui il nome Testaccio) di milioni di anfore usate per il trasporto delle merci che sbarcavano in epoca romana nel vicino porto fluviale, sistematicamente scaricati ed accumulati con ogni probabilità  tra il periodo augusteo e la metà del III secolo d.C.

Il Monte, con un perimetro di base di circa un chilometro ed un’altezza massima di 54 metri sul livello del mare, costituisce una importante fonte storico-documentaria sullo sviluppo economico dell'impero romano, sulle relazioni commerciali tra Capitale e province, nonché sulle abitudini alimentari dei romani. Infatti, molte anfore, provenienti in prevalenza dalla Betica (odierna Andalusia) e dalla Bizacena (Africa settentrionale) contenenti olio di oliva, conservano il marchio di fabbrica impresso sulle anse, mentre altre presentano i tituli picti, ovvero delle note scritte a pennello in cui sono riportati il nome dell'esportatore, le indicazioni sul contenuto, i controlli eseguiti durante il viaggio e la data.

Parole chiave

Attività didattiche

Visite guidate a cura delle associazioni culturali.

Servizi

» Visite guidate

All'interno di

Cultura e svago › Beni culturali › Beni archeologici

Convenzionato con

Accoglienza › Servizi › Servizi turistici

Vedi anche

Cultura e svago › Beni culturali › Musei
Data di ultima verifica: 16/05/22 14:06