060608


Roma Capitale
Zètema Progetto Cultura
060608 - Scopri e acquista i servizi turistici, l'offerta culturale e gli spettacoli di Roma
Sei in: Home » Cultura e svago » Beni culturali » Beni archeologici » Horti Sallustiani
Tipologia: Monumenti

Indirizzo

Indirizzo: Piazza Sallustio, 21
Zona: Rione Sallustiano (Via Bissolati) (Roma centro)
Atac
Inserire l'indirizzo di partenza

Contatti

Telefono: 0039 06 42011597 info e pren.
Fax: 0039 06 42814495

Orario

Visite riservate ad Associazioni o gruppi. Info: Tecno Holding S.p.A. (Tel 06 42011597 Fax 06 42814495).
Il sito è visitabile da associazioni, gruppi e studiosi il sabato dalle ore 09.00 alle ore 13.00 e il lunedì dalle ore 9.30 alle ore 11.30 previa autorizzazione da richiedere via e-mail all'indirizzo: convegni@hortisallustiani.it

Prenotazione

» Obbligatoria

Descrizione

Gli Horti Sallustiani, così chiamati perché appartenuti allo storico Sallustio, costituivano, con i giardini e la villa, il più grande parco monumentale di Roma. Occupavano una vasta area compresa tra le odierne Via Salaria, Via Veneto, Via XX Settembre e le Mura Aureliane. Questa zona, appartenuta in precedenza a Giulio Cesare, fu acquistata da Sallustio nel 44 a.C. che la ingrandì facendone la sua residenza. Divenne di proprietà imperiale sotto l’imperatore Tiberio (14-37 d.C.). Sappiamo che Vespasiano amava soggiornarvi e che vi morì Nerva. Altri lavori al complesso furono realizzati dagli imperatori Adriano (117-138 d.C.) e Aureliano (270-275 d.C.). Quest’ultimo vi fece costruire un ippodromo dove era solito cavalcare. La villa subì gravi danni durante l’invasione dei Goti di Alarico nel 410 d.C. e non fu più ricostruita. Nell’immensa area del parco erano disseminati numerosi edifici, tra i quali un impianto termale ed un tempio dedicato a Venere Ericina.

Presso l’odierna Piazza Sallustio sono visibili, alla profondità di 14 metri  dal livello stradale, i resti di un grande complesso costituito da tre insiemi di edifici. Il principale è costituito da una ampia sala circolare coperta da una cupola, simile al Serapeo di Villa Adriana a Tivoli. Nelle pareti si aprono alcune nicchie; attraverso due di queste si accede a due ambienti laterali, forse dei ninfei (fontane monumentali).

Dagli Horti Sallustiani provengono molte sculture famose; tra queste il Galata Morente conservato nei Musei Capitolini, il Galata Suicida ed il trono Ludovisi ora a Palazzo Altemps. Anche l’obelisco, collocato sin dal 1789 in cima alla scalinata di Trinità dei Monti, proviene dagli Horti.

Per saperne di più

Accoglienza › Servizi › Sedi congressuali e fieristiche
Data di ultima verifica: 25/02/16 15:50