060608


Roma Capitale
Zètema Progetto Cultura
060608 - Scopri e acquista i servizi turistici, l'offerta culturale e gli spettacoli di Roma
Sei in: Home » Cultura e svago » Beni culturali » Beni archeologici » Complesso di Capo di Bove
Tipologia: Ville e aree archeologiche

Indirizzo

Indirizzo: Via Appia Antica, 222
Zona: Quartiere Appio Pignatelli (Roma sud)
Atac
Inserire l'indirizzo di partenza

Contatti

Orario

Il sito è aperto tutti i giorni dalle ore 09:00 alle ore 18:30 tra l’ultima domenica di marzo e l’ultimo sabato di ottobre. Dall’ultima domenica di ottobre all’ultimo sabato di marzo aperto dalle ore 09:00 alle ore 17:00. Chiuso il 25 dicembre, il 1° gennaio e il 15 agosto.

L’Archivio Cederna (info sul sito www.archiviocederna.it) è aperto per la consultazione tutti i mercoledì dalle ore 10:00 alle ore 14:00, previa prenotazione telefonica: +39 06 7806 686 o e-mail: pa-appia.archiviocederna@beniculturali.it

Disabili
L’area archeologica è accessibile al 100% grazie alla presenza di una rampa e un percorso in terra battuta.
Sono presenti idonei servizi igienici.

Informazioni

Modalità di partecipazione: Ingresso gratuito

Eventi in programma

Descrizione

Il complesso di Capo di Bove si affaccia al IV miglio della Via Appia Antica, a circa 500 m di distanza dal Mausoleo di Cecilia Metella. Si tratta di un’area verde di circa 8.600 mq con all’interno un edificio principale su tre livelli e uno minore. Quando la proprietà fu messa in vendita nel 2002, la Soprintendenza Archeologica di Roma e il Ministero per i Beni e le Attività Culturali decisero di acquistarla esercitando il diritto di prelazione, dato l’interesse archeologico dell’area (come sancito anche da un vincolo specifico).
Dopo l’acquisto, è stato effettuato uno scavo nel giardino, che ha portato in luce un impianto termale della metà del II secolo d.C. con fasi edilizie fino al IV secolo e tracce di uso agricolo-produttivo riferibili al periodo tardo antico, quando la zona rientrava nel Patrimonium Appiae (vasta tenuta agricola di proprietà ecclesiastica). Delle terme rimangono decine di ambienti, pavimentazioni a mosaico e in marmo colorato, vasche idrauliche, tubuli in terracotta, l’impianto fognario e porzioni dei rivestimenti in lastre di marmo e intonaco dipinto.
Il giardino è stato ridisegnato con la piantumazione di nuove essenze arboree, la realizzazione di un articolato percorso pedonale e l’allestimento di un efficace sistema d’illuminazione.
L’edificio principale, in origine a uso abitativo, è stato adeguato dalla Soprintendenza alla nuova funzione pubblica: ospita uffici, una sala conferenze, accoglie mostre fotografiche e artistiche, eventi culturali, incontri didattici e custodisce l’Archivio e la Biblioteca di Antonio Cederna, il padre del movimento ambientalista in Italia che tanto si è battuto per la tutela della Via Appia Antica. L’edificio, che sorge sulla cisterna romana che alimentava le terme, presenta una caratteristica cortina muraria di materiali antichi di recupero, realizzata negli anni Cinquanta del Novecento.
L’attiguo edificio minore, già dépendance della casa, è stato trasformato in punto di accoglienza per i visitatori, attrezzato con servizi igienici e distributori automatici di bevande.

Servizi

» Accessibile ai disabili
» Servizi igienici per disabili

All'interno di

Cultura e svago › Beni culturali › Beni archeologici
Data di ultima verifica: 20/11/18 10:55