060608


Roma Capitale
Zètema Progetto Cultura
060608 - Scopri e acquista i servizi turistici, l'offerta culturale e gli spettacoli di Roma
Sei in: Home » Cultura e svago » Beni culturali » Beni archeologici » CHIUSO - Area Sacra di S. Omobono
Tipologia: Ville e aree archeologiche

Indirizzo

Indirizzo: Vico Jugario, 4
Zona: Rione Campitelli (Foro Romano- Campidoglio-P.Venezia) (Roma centro)
Atac
Inserire l'indirizzo di partenza

Contatti

Telefono: 060608 tutti i giorni ore 9.00-19.00
Prenotazione telefonica: 060608 tutti i giorni ore 9.00-19.00

Orario

LE PRENOTAZIONI SONO TEMPORANEAMENTE SOSPESE

L'ingresso al monumento è consentito solo a gruppi accompagnati su prenotazione. Max 25 persone a visita. La visita guidata, che è a cura di associazioni culturali, deve essere concordata direttamente con l'associazione culturale. Gruppi e associazioni culturali possono prenotare allo 060608 (tutti i giorni 9.00 - 19.00).

Chiuso lunedì, 1 gennaio, 1 maggio e 25 dicembre.

Visibile anche dall'esterno.

Non accessibile ai disabili

Informazioni

Attualmente chiuso al pubblico

Tariffe:
Intero € 4,00
Ridotto € 3,00
I possessori della MIC card hanno diritto all’ingresso gratuito

La prima domenica del mese l'ingresso ai monumenti del territorio è gratuito per tutti.

Condizioni di gratuità e riduzioni

Nel costo del biglietto non è compresa la visita guidata, a cura delle associazioni culturali.

Prenotazione

» Obbligatoria
» Telefonica

Descrizione

L’area archeologica denominata Area Sacra di S. Omobono, posta nell’area del Foro Olitorio (di fronte al moderno Palazzo dell’Anagrafe), fu scoperta negli anni 1936-1937 durante i lavori per l’apertura della via del Mare.

Prende nome dalla omonima chiesa che sorge sopra le antiche strutture. L’importanza del ritrovamento è data dalla presenza del più antico esempio di tempio tuscanico a Roma, databile alla metà del VI secolo a.C. e attribuitodalla tradizione al re Servio Tullio. Gli scavi hanno rivelato inoltre l’esistenza di un culto ancora più antico, collocabile tra la fine del VII egli inizi del VI secolo a.C., e tracce di frequentazione testimoniata da ceramica dell’Età del Bronzo (XVI-XII secolo a.C.), dell’Età del Ferro e da ceramica greca della prima metà dell’VIII secolo a.C. Il tempio era dedicato alla Mater Matuta, divinità protettrice della navigazione e legata alla zona del mercato sul fiume. Il tempio arcaico fu distrutto in seguito alla cacciata dei  Tarquini da Roma alla fine del VI secolo a.C. Agli inizi del V secolo a.C. venne costruito un nuovo podio sui resti del tempio precedente, su cui vennero realizzati due templi accoppiati ma distinti, dedicati a Fortuna quello occidentale e a Mater Matuta quello orientale.

Davanti ai templi erano due altari e un donario (luogo per la raccolta delle offerte) circolare con statue di bronzo, del quale resta la base. Gli edifici sacri subirono varie ricostruzioni, alla fine del III secolo a.C., in età Adrianea e infine in età Severiana (inizi II-inizi III secolod.C.). Nel VI secolo d.C. sui templi venne costruita una chiesa, restaurata con un nuovo pavimento in stile cosmatesco nel XII-XIII secolo. Nel 1482 la chiesa fu ricostruita e dedicata a S. Salvatore in Porticu, e dedicata nel 1700 definitivamente ai SS. Omobono e Antonio.  

Parole chiave

All'interno di

Cultura e svago › Beni culturali › Beni archeologici

Vedi anche

Cultura e svago › Luoghi di culto di interesse storico-artistico › Chiese cattoliche

Convenzionato con

Accoglienza › Servizi › Servizi turistici
Data di ultima verifica: 08/06/20 10:35