060608


Roma Capitale
Zètema Progetto Cultura
060608 - Scopri e acquista i servizi turistici, l'offerta culturale e gli spettacoli di Roma
Sei in: Home » Cultura e svago » Beni culturali » Beni archeologici » Casale di Malborghetto
Tipologia: Monumenti, Ville e aree archeologiche

Indirizzo

Indirizzo: Via Barlassina, 1
Zona: Prima Porta (Roma nord)
Atac
Inserire l'indirizzo di partenza

Contatti

Orario

Calendario di aperture di Marzo 2022.
Calendario di aperture di Aprile 2022.

Per eventuali aggiornamenti e per le >modalità di visita consultare il sito ufficiale

Informazioni

Per gruppi superiori a 10 persone si consiglia di scrivere a ss-abap-rm.malborghetto@beniculturali.it

Modalità di partecipazione: Ingresso gratuito

Descrizione

L’edificio si trova al km 16 della via Flaminia. Originariamente era un arco quadrifronte, eretto all’incrocio tra la Flaminia ed una strada più antica, di origine etrusca. L’arco, di cui è visibile la struttura in laterizio, originariamente era rivestito da lastre di marmo, con colonne corinzie sulle fronti principali. Venne costruito agli inizi del IV secolo d.C., nel luogo dove Costantino aveva posto il proprio accampamento prima della battaglia di Ponte Milvio contro Massenzio (312 d.C.). Qui, secondo la leggenda, l’imperatore avrebbe avuto la visione della croce.

Nel Medioevo le arcate furono chiuse e all’interno fu ricavata una chiesa dedicata a S. Nicola. Già nel XIII secolo la chiesa doveva essere scomparsa e l’edificio trasformato nella torre principale di un borgo fortificato, chiamato Burgus S. Nicolai de arcu Virginia, appartenente dal 1278 al 1870 al Capitolo della Basilica di S. Pietro. Nel 1485 il borgo fu assediato e incendiato dalle truppe degli Orsini, durante le lotte fra questi e i Colonna, e da allora fu chiamato“Malborghetto”, forse perché in stato di abbandono.

L’edificio, ridotto a casale, divenne un’osteria nel Seicento, mentre nel 1744 vi si installò una stazione di posta con una stalla ed una piccola chiesa.  Il casale  fu acquistato dallo Stato nel 1982 e, dopo interventi di scavo e di restauro, è ora divenuto sede di un piccolo museo che conserva vasi romani riportati dalle fornaci presso La Celsa e ceramiche del XVI-XIX sec., scoperte in un ambiente sotterraneo del casale. Esposte anche due statue acefale togate ritrovate a Grottarossa e un'ara funeraria da Tor di Quinto.

Parole chiave

Vedi anche

Cultura e svago › Beni culturali › Beni archeologici
Data di ultima verifica: 31/03/22 13:05