060608


Roma Capitale
Zètema Progetto Cultura
060608 - Scopri e acquista i servizi turistici, l'offerta culturale e gli spettacoli di Roma
Sei in: Home » Cultura e svago » Beni culturali » Beni archeologici » Basilica Sotterranea di Porta Maggiore (Neopitagorica)
Tipologia: Monumenti

Indirizzo

Indirizzo: Via Prenestina, 17
Zona: Quartiere Prenestino Labicano (Roma est)
Atac
Inserire l'indirizzo di partenza

Contatti

Orario

Temporaneamente chiuso

 

Informazioni

Il sito è visitabile solo con visita guidata o accompagnata con prenotazione obbligatoria fino ad esaurimento disponibilità.

Modalità di partecipazione: Prenotazione obbligatoria

Prenotazione

» Obbligatoria
» Obbligatoria per gruppi

Descrizione

L’edificio fu rinvenuto casualmente nel 1917, al di sotto di uno dei binari della ferrovia Roma-Napoli.

Varie sono le ipotesi di utilizzo dell’edificio. Fu interpretato come un santuario del culto neo pitagorico, distrutto sotto l’imperatore Claudio o, più probabilmente, come una basilica funeraria, databile ad epoca tardo-augustea o tiberiana.

La Basilica si nasconde a circa 9 metri sotto il livello dell’attuale via Prenestina, ed è articolata in tre diversi ambienti:
- il Dromos, che costituiva l’accesso dalla antica via Praenestina: è un lungo corridoio in pendenza che dalla superficie portava sottoterra fino agli ambienti della Basilica;
- il Vestibolo, è un ingresso di m. 3,60 x 3,60 che conduce alla sala principale, ed è sormontato da una volta a skyphos con al centro un  lucernario di forma particolare;
- la Sala basilicale di m. 12 x 9 per complessivi 108 metri quadrati, è suddivisa in tre navate coperte con volte a botte. La navata centrale, più ampia rispetto alle navate laterali, presenta sul fondo un’abside semicircolare.
All’interno del complesso si trova una preziosa decorazione che copre i pavimenti con una tessitura a mosaico bianco a fasce nere, mentre sulle pareti e sulle volte si alternano affreschi, che predominano nel Vestibolo, e stucchi figurati, preponderanti nell’aula basilicale.
Sono rappresentate scene della mitologia classica, che raffigurano tra l’altro Saffo nell’atto di lanciarsi dalla rupe di Leucade, Ganimede rapito da un genio alato e il ratto di una delle figlie di Leucippo. Le indagini effettuate durante i restauri hanno svelato un complesso sistema di costruzione dell’edificio sotterraneo, suddiviso per fasi successive: scavo, riempimento e svuotamento delle terre.
Il sito non è accessibile alle persone su sedia a rotelle.

Parole chiave

A cura di

Cultura e svago › Istituzioni culturali › Strutture culturali
Data di ultima verifica: 26/08/21 16:26