060608


Roma Capitale
Zètema Progetto Cultura
060608 - Discover and buy tourist services, cultural offers and shows in Rome
You are in: Home » Events and shows » Exhibitions » ​Manifesti d’artista – 1522 Roma per le donne
Date: from 2020-12-07 to 2021-01-10

Address

Address: Viale Pietro De Coubertin, 30
Zone: Quartiere Parioli (Roma nord)
Atac
Enter your starting address

Contacts

Description

Manifesti d’artista – 1522 Roma per le donne è la campagna di comunicazione promossa da Roma Capitale, in collaborazione con il Dipartimento per le Pari Opportunità della Presidenza del Consiglio dei Ministri e la Fondazione Musica per Roma, e realizzata in collaborazione con Zètema Progetto Cultura, in occasione del 25 novembre 2020 Giornata Internazionale per l’eliminazione della violenza contro le donne.
Scelgo la libertà. Tre parole che ogni donna può pronunciare, anche se si trova in una situazione di violenza. Tre parole che sono state proposte agli studenti e alle studentesse delle Scuole e Accademie d’arte di Roma per dare vita a Manifesti d’artista – 1522 Roma per le donne.
Il progetto ha l’obiettivo di promuovere il 1522, numero nazionale anti violenza e stalking, a cui sono collegati i servizi anti violenza di Roma Capitale diffusi sul territorio e che offrono gratuitamente ascolto h24 e consulenze specialistiche alle donne che si trovano in situazioni di violenza, con percorsi individuali indirizzati alla riconquista della piena autonomia di vita. 
Ai ragazzi e alle ragazze è stato chiesto, attraverso una call, di rappresentare quelle tre parole, sfuggire agli stereotipi e invertire l’immaginario collettivo intorno alla violenza di genere. Liberando energia creativa e riflessione sociale, i e le partecipanti hanno interpretato le tre parole secondo la propria sensibilità, in alcuni casi anche declinandole in modi e tempi diversi.  Le opere, selezionate da un’apposita commissione, sono state create e sviluppate come dei manifesti d’artista. Ogni immagine racconta la forza, il coraggio e la determinazione delle donne che sono riuscite già a dire “Scelgo la libertà”. E di tutte quelle che lo faranno.